Frammenti. [18.1.2016]

Torno in ospedale dopo un weekend a casa. Mi pesano.

《Sei calata. Ti spostiamo in reparto fino a mercoledì e poi ti spostiamo al centro di ricovero. Nel pomeriggio passeranno le infermiere a metterti il sondino, chiama i tuoi genitori e fatti portare il necessario per la notte.》

《Io il sondino lo rifiuto.》

《Mi spiace, ma questi erano i patti.》

Entro in reparto di medicina 2. Un odore di guanti in lattice misto a urina intrappolata nei materassi e di disinfettante mi inonda le narici.

Entrano le infermiere. È finita, ho perso.

《No,no. Dammi il tubo più grande.》 Non realizzo.《Rilassa la gola o farà più male.》

Faccio un respiro profondo. Sento il tubo scendere e grattare le pareti dell’esofago, giù fino allo stomaco. Da fastidio.

Tremendamente fastidio.

Non riesco a fermare i dotti lacrimali; le ghiandole non smettono di produrre saliva che non riesco a ingoiare; il naso continua a colare, ma non riesco a soffiarmelo. In un attimo mi ritrovo la faccia piena di muco, saliva e lacrime. D’improvviso mi sento debole.

Entra in stanza mia sorella e mi sento come un cane bastonato.

Arriva anche mia madre e avrei voluto non vedere tutta quella pena nei suoi occhi. Sarei voluta sparire.

Dopo cena sento il sondino sfilarsi e chiamo le infermiere.

《Volevi togliertelo eh?》

Mi accusano.

Me lo rispingono giù a forza senza aspettare che rilassassi la gola. Una tortura.

《Basta! Toglietelo! Giuro che lo bevo ma mi fa troppo male!》

《Dovevi pensarci prima.》

Fanculo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...